Obama Gender SHARIA akbar NWO

Netanyahu visits grave of brother Yoni ahead of Memorial Day [[ chi potrebbe essere così maledetto da opporsi alla volontà di Dio JHWH di riunire le 12 Tribù di Israele? ]]
Prime minister pays respects on Mount Herzl on Saturday night to avoid 'Yom Hazikaron' crowds. Minister Benjamin Netanyahu visited the grave of his brother Yoni at the military cemetery on Mount Herzl in advance of Memorial Day. Get The Times of Israel's Daily Edition by email and never miss our top stories Free Sign up!
Netanyahu and his wife Sara visited the grave on Saturday night in order to not interfere with the crowds who will visit Mount Herzl and the more than 50 military cemeteries throughout the country on Yom Hazikaron or Memorial Day which starts on Sunday night. Yoni Netanyahu was killed during a rescue operation to release hostages during Operation Entebbe in 1976. Israel's Memorial Day which will honor the 23169 casualties of war and terrorism who have been killed since 1860 will begin on Sunday night with a one-minute long siren at 8 p.m. and mark the beginning of the national memorial service at the Western Wall which is broadcast on all Israeli television channels. A second siren on Monday at 11 a.m. will last for two minutes and mark the beginning of memorial services at Israel's 52 military cemeteries.
On Monday morning the annual ceremony in memory of victims of anti-Semitic incidents and terror attacks around the world will take place at the Jewish Agency for Israel in Jerusalem in a program sponsored by: The Jewish Agency for Israel the World Zionist Organization the Jewish National Fund (KKL-JNF) Keren Hayesod-UIA the Jewish Federations of North America (JFNA) and the Jewish Federations of Canada-UIA.
According to Jewish Agency figures some 200 Jews have been killed in anti-Semitic terror attacks around the world since Israel's establishment.
 Netanyahu vuole legge su 'Stato ebraico' [[ ok! oggi si chiama ISRAELE ma se rimuovono la sharia in tutto il mondo domani si chiamerà: PALESTINA! ci sarà la guerra mondiale prima o poi se tutti gli ebrei del mondo non ritornano es:. le 12 Tribù di Israele ]] Premier 'Israele Stato di un solo popolo il popolo ebraico'. 04 maggio 2014 TEL AVIV 04 MAG - Il premier Benyamin Netanyahu intende sottoporre alla Knesset (parlamento) una nuova 'Legge fondamentale' che 'ancori' il concetto che Israele è lo 'Stato-Nazione' del popolo ebraico. ''Il nostro Stato garantisce diritti pieni ed eguali per tutti i cittadini ma è lo Stato-Nazione di un solo popolo: il popolo ebraico'' ha detto il premier nella odierna seduta del Consiglio dei ministri. La nuova legge sarà elaborata mediante contatti con i partiti della coalizione.
 
open letter to NATO --- [UN GOVERNO CHE RAPPRESENTA UNA SOLA PARTE DEL PAESE QUANDO CI SONO DUE POPOLI PROFONDAMENTE DIVERSI quindi DIVIDETELI SUBITO infatti QUEI CRIMIINALI DI KIEV NON HANNO SAPUTO GESTIRE LA CRISI ecco perché DIVIDERe i due popoli è MEGLIO! non fate vedere che voi della NATO state facendo una sporca annessione.. perché è proprio questa la inquietante verità! ] Odessa rilasciati filorussi dopo assedio a sede polizia. Iatseniuk a Bbc ci sarà un'inchiesta indipendente. Ad una settimana dagli annunciati referendum per l'indipendenza nel russofono sud-est ucraino l'esercito di Kiev rafforza la sua offensiva nella regione di Donetsk tagliando le vie di comunicazione e irrobustendo l'assedio a Sloviansk roccaforte dei separatisti filorussi ed attaccando altre due città: Konstiantinivka (Konstantinovka in russo) a qualche decina di chilometri e Mariuopol sul mare d'Azov. Poco dopo l'avvio del nuovo blitz il ministro degli Interni ucraino Arseni Avakov ha riferito di diversi soldati feriti anche se per ora non ci sono bilanci su eventuali vittime. Ma oggi i riflettori restano puntati a sud su Odessa dove la tragedia dell'incendio nel quale sono morti oltre 40 filorussi dopo gli scontri dell'altro ieri con i filo governativi continua ad essere terreno di tensione e accuse tra Mosca e Kiev e dentro la storica città sul Mar Nero. Nel secondo giorno di lutto nazionale una folla di oltre mille separatisti si è radunata davanti alla sede della polizia reclamando il rilascio dei 160 arrestati per i tafferugli in gran parte filo Mosca.

NESSUN GRUPPO DELLA GALASSIA JIHADISTA? POI TUTTI GLI ATTENTATI DEL MONDO SONO SEMPRE FIRMATI SHARIA SAUDI ARABIA! ] [ Attentati nella capitale del Kenya: 2 vittime e 27 feriti. Almeno 2 persone sono rimaste uccise e 27 ferite nelle esplosioni di 2 autobus passeggeri nella capitale keniana Nairobi Sei feriti sono ricoverati in condizioni critiche. Un'esplosione è avvenuta quando un autobus stava passando nelle vicinanze del Bluesprings Hotel mentre la seconda esplosione si è verificata quando un altro mezzo si trovava nei pressi di un passaggio pedonale.
Al momento nessun gruppo terroristico ha rivendicato gli attentati.
 http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_04/Attentati-nella-capitale-del-Kenya-2-vittime-e-27-feriti-8651/

Ucraina Kiev: l'ambasciatore USA esclude la regia di Mosca nella tragedia di Odessa
Washington non ha alcuna prova del coinvolgimento della Russia nei tragici eventi di Odessa del 2 maggio ha affermato l'ambasciatore americano in Ucraina Geoffrey Pyatt in un'intervista alla CNN. Ha espresso la speranza che sia condotta un'indagine tempestiva e imparziale. Secondo Pyatt la situazione ad Odessa potrebbe essere sfuggita di mano per l'incapacità e la mancanza di azione da parte delle forze dell'ordine locali. Ha anche sottolineato il ruolo cruciale della Russia nel rilascio degli ispettori militari dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) a Slavyansk. Secondo il diplomatico USA questo fatto dimostra come Mosca abbia il potere di influenzare gli autonomisti ribelli e di esercitare un ruolo costruttivo nella risoluzione della crisi in Ucraina. http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_04/Ucraina-Kiev-lambasciatore-USA-esclude-la-regia-di-Mosca-nella-tragedia-di-Odessa-9179/


Il presidente dell'OSCE discuterà a Mosca le misure contro la crisi ucraina.
Il 7 maggio arriva a Mosca il capo di Stato della Svizzera e l'attuale presidente dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) Didier Burkhalter. Lo scopo della sua visita è quello di discutere le misure per ridurre le tensioni in Ucraina.http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_04/Il-presidente-dellOSCE-discutera-a-Mosca-le-misure-contro-la-crisi-ucraina-5851/


Telefonata tra Putin e Merkel sulla crisi in Ucraina. Il presidente russo Vladimir Putin ha avuto una conversazione telefonica con il cancelliere tedesco Angela Merkel sulla crisi in Ucraina riporta l'ufficio stampa del Cremlino.Merkel ha espresso soddisfazione per gli sforzi della Russia tesi a facilitare il rilascio degli ispettori militari dell'OSCE di diversi Paesi europei compresa la Germania che erano stati arrestati dalle forze filorusse a Slavyansk. Putin e Merkel hanno evidenziato l'importanza dell'approvazione di misure internazionali efficaci in particolare sulla linea dell'OSCE volte a ridurre le tensioni in Ucraina. Il presidente russo ha sottolineato la necessità di stabilire un dialogo diretto tra le autorità di Kiev e i rappresentanti autonomisti delle regioni sud-orientali del Paese.
 http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_04/Telefonata-tra-Putin-e-Merkel-sulla-crisi-in-Ucraina-8938/


tutta la vergogna criminale massonica del Canada che annuncia nuove sanzioni contro la Russia per la crisi ucraina. Il primo ministro canadese Stephen Harper ha annunciato l'introduzione di nuove sanzioni economiche integrative contro la Russia per gli eventi in Ucraina e Crimea. Colpiscono 16 "soggetti" russi non solo persone fisiche ma anche imprese. A seguito della precedente promulgazione della "black list" alla fine di aprile erano stati sanzionati i deputati della Duma Vladimir Zhirinovsky e Alexey Pushkov nonché altri personaggi e imprenditori russi. In precedenza il ministero degli Esteri russo aveva annunciato sanzioni contro 13 alti funzionari parlamentari e personaggi pubblici canadesi a cui erano state chiuse le frontiere della Federazione Russa in risposta alle sanzioni di Ottawa.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_04/Il-Canada-annuncia-nuove-sanzioni-contro-la-Russia-per-la-crisi-ucraina-3178/


A QUESTO RITMO DI MASSACRI E DI CONVERSIONI FORzATE CON IL DENARO BEN PRESTO LA NIGERIA DIVENTERà UN ALTRO STATO ISLAMICO NAZISTA per il Califfato Mondiale!.. ovviamente tutto questo è buono per Obama

Nigeria il presidente[[ grande ipocrita assassino seriale traditore! ]] promette di impegnarsi per la liberazione di 223 studentesse. Il presidente nigeriano Goodluck Jonathan [[ grande ipocrita assassino seriale traditore! ]] ha ordinato alle forze di sicurezza di "fare tutto il possibile" per liberare le 223 studentesse rapite ad aprile dai militanti del gruppo radicale islamico Boko Haram in un liceo del nord-est del Paese. I genitori delle studentesse sequestrate pretendono che le autorità chiedano aiuto alla comunità internazionale. Tuttavia la posizione esatta delle ragazze non è nota: è possibile che siano già state portate fuori della Nigeria.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_04/Nigeria-il-presidente-promette-di-impegnarsi-per-la-liberazione-di-223-studentesse-0883/


Bereaved Family Outraged After Finding Empty Grave [[ questo crimine getta un ombra mortale sul Governo di Benjamin Netanyahu.. è troppo ridicolo tragico e criminale pensare di criminalizzare la famiglia per avere aperto la tomba! ]] Family of soldier killed in Yom Kippur War illegally opens their son's grave - and find it is empty. AAFont Size. By Orly Harari. First Publish: 5/4/2014 8:43 AM [ Har Herzl Military Cemetery. Israel news photo: Flash 90 ] The family of fallen IDF soldier Zion Tayeb (of blessed memory) who was killed in the 1973 Yom Kippur War opened his grave on Saturday night on Har Herzl without permission - and discovered that it was empty. Tayeb was drafted in May 1973 and served in the Nefach territorial brigade. He was sent to serve on Mount Hermon in the Golan Heights a few days before the war broke out; shortly after his arrival all contact was severed between him and his family. The State said that he fell in battle and that his body was found in a mass grave on Mount Hermon; he was later buried - or so the family thought - in Jerusalem. The Tayeb family has accused the IDF the Defense Ministry the IDF Rabbinate and the Attorney General's Office for years of being negligent in the identification of their son and the investigation over his death. The family claims that not enough evidence or testimony has been brought over the years that he fell in the war and have demanded a renewed investigation into the death over and over again. Last month the Supreme Court rejected the Tayeb family's request to open the grave to conduct DNA testing on the body.
Family members now demand the resignation of the Head of the IDF's Manpower Division Major General Orna Barbivay over the incident as well as an external investigation. The IDF responded by noting that opening the grave in any case was illegal. "The family's request to open the tomb was discussed by the Supreme Court which accepted the state's position that the deceased's identity was confirmed - and therefore that there was no legal precedent to open the grave" the IDF stated. "The IDF sympathizes with the Tayeb family and will continue to accompany them [throughout the process] as necessary."

Aliyah from Ukraine Spikes [ Aliyah flight ] [ COME LA SINAGOGA DI SATANA: CIA FMI TROIKA BILDENBERG: suo malgrado riesce a realizzare i disegni di Dio se poi non riesce come ha studiato e progettato nei minimi particolari di sterminare tutti gli israeliani in un colpo solo! Shoah2 ] A total of 762 Jews from Ukraine arrived in Israel in the first four months of the year compared to 315 in the first quarter of 2013.
AAFont Size By AFP and Arutz Sheva. First Publish: 5/4/2014 The number of Jews emigrating to Israel from increasingly volatile Ukraine has jumped by 142 percent this year so far compared to 2013 the Jewish Agency said Sunday. A total of 762 Jews from Ukraine arrived in Israel in the first four months of the year compared to 315 in the first quarter of 2013 a spokesman for the quasi-government agency said. As the crisis worsened in Ukraine the number of arrivals rose dramatically in March and April and more are expected in the coming months the spokesman added. "The number of individuals who have formally begun the immigration process is up even more dramatically as is the number of individuals who have requested information on immigrating to Israel" he added. The spokesman said this was due "to the uncertainty created by the current situation" in Ukraine where violence has spread to several parts of the country following the overthrow of a pro-Russian leader in February.
In February the Jewish Agency said it had sent funds to boost security for the 200000-strong Jewish community living in Ukraine including for the purchase of surveillance systems.

che tipo di MASSONERIA la CINA vede nella Chiesa di Roma per pretendere una sua Chiesa Nazionale? OVVIAMENTE IO NON SONO UN SEDEVACANTISTA MA IO NON POSSO NON RIMANERE MOLTO PERPLESSO DI QUESTI INQUINAMENTI MASSONICI CHE SI VANNO A RIFLETTERE E POI A CORROMPERE IL DOGMA DELLA FEDE CATTOLICA.. IN REALTà OGGI QUESTO DOGMA NON MI SEMBRA SOSTANZIALEMENTE CORROTTO ANCHE SE I TIMORI CI SONO TUTTI.. PERCHé COME SEMPRE HANNO DETTO I BUDDISTI E SEMPRE HANNO DETTO I VERI CATTOLICI LA NATURA UMANA NON è IN SE STESSA BUONA PER ESSERE STATA CORROTTA DAL PECCATO ORIGINAL E DI AVERE BISOGNO DI UN COSì IMPEGNATIVO ESERCIZIO ASCETICO.. ] [ Un Nunzio amico della Massoneria. ] [ Si è visto che il professore modernista Angelo Roncalli da quanto scrisse Andreotti aveva molto imparato da don Ernesto [Buonaiuti che fu scomunicato] che ebbe l'unico torto di non aver saputo aspettare l'evolversi dei tempi [«A ogni morte di Papa» Rizzoli 1982]. Roncalli imparò allora ad aspettare la sua ora lavorando per la propria carriera. Ciò perché doveva superare la tappa di professore di storia a lui interdetta in quanto sospetto di modernismo. Era risaputo e Benedetto Croce lo conferma che i «modernisti simpatizzando con i positivisti con i pragmatisti e con gli empiristi di ogni risma addurranno che essi non credono al valore del pensiero e della logica cadranno di necessità nell'agnosticismo e nello scetticismo. Dottrine queste conciliabili con un vago sentimentalismo religioso ma che ripugna affatto ad ogni religione positiva». Che i modernisti simpatizzino anche coi massoni e coi comunisti condividendo con essi idee umanitariste è un fatto ricorrente nella vita politica del passato come del presente; essi osteggiano solo la tradizione. Dovevano quindi rovesciare il «Syllabus» di Papa Pio IX attraverso un concilio pastorale come il Vaticano II; rivoluzione religiosa nata dalle utopie prodotte dalla teoria dell'evoluzione dell'umana coscienza che una volta matura (vedi il cristiano adulto di Karl Rahner) si svincolerebbe dalle autorità gerarchiche legate alla tradizione biblica. Così il mondo moderno passerebbe finalmente dal principio di trascendenza a quello dell' immanenza professando la religione antropocentrica in prospettiva di un umanitarismo globale; ideale che affratella massoni socialisti liberali e democristiani modernisti del Vaticano II. Questa mentalità condannata dal magistero cattolico dominava la mente di molti infiltrati nella Chiesa per aggiornare la fede e le autorità cattoliche al progresso del mondo moderno. Era il pensiero di Roncalli la cui religiosità seguiva un profetismo evocante i segni dei tempi non riferiti alla spiritualità cristiana ma alla chimera di un nuovo ordine. Tale piano modernista e massonico si doveva realizzare operando la mutazione della Chiesa dal suo interno attraverso una nuova classe clericale con nuovi poteri gerarchici fino ad arrivare a un nuovo Papato. Questo nuovo potere gerarchico avrebbe allora operato per aggiornare la tradizione ai bisogni dei tempi col potere delle chiavi cioè in nome di Dio stesso e perciò contando dell'appoggio di un mondo cattolico pronto a giustificare ogni idea e gesto dei Papi finalmente «buoni». Il canonico Roca descrive il programma massonico
Il piano in causa era segreto ma è stato descritto esplicitamente da un suo araldo il canonico Roca che nel centenario della Rivoluzione Francese col suo scritto «Glorieux centenarie» ha dato fiato alle trombe annunciatrici dell'ammirabile nuovo mondo religioso che sorgeva. Dal libro «Le infiltrazioni massoniche nella Chiesa» del P. E. Barbier edito nel 1910 e favorito da molte approvazioni episcopali abbiamo il brano: «La Massoneria ha concepito il proposito infernale di corrompere insensibilmente i membri della Chiesa anche del clero e della gerarchia inoculando in essi sotto forme seduttrici e di apparenza inoffensiva i falsi principi con i quali pianificava di sovvertire il mondo cristiano». Nei documenti dell'Alta Vendita poi si legge: «Per ottenere un Papa nella misura richiesta si tratta per primo di preparargli una generazione all'altezza del regno che ci prefiggiamo…; si lasci da parte la vecchiaia e anche l'età matura; andate alla gioventù…: è questa che va convocata senza che sospetti di essere sotto la bandiera delle Società Segrete… Non abbiate nemmeno una parola d'empietà o d'impurità … Una volta assodata la vostra reputazione nei collegi nelle università e nei seminari… questa reputazione aprirà l'accesso alle nostre dottrine nel clero giovane come nei conventi… E' necessario perciò diffondere i germi dei nostri dogmi». Naturalmente tale piano non teneva conto che la mutazione di quanto procede da Dio è impossibile. Perciò il risultato reale di tale processo non sarà mai cambiare ma devastare il cristianesimo che come hanno sempre insegnato i Papi non potrà mai essere né liberale né socialista né associato a un altro ordine che quello suo cristiano. Voler battezzare con immensa simpatia l'umanesimo laico il culto dell'uomo che si fa Dio come detto da Paolo VI alla chiusura del Vaticano II (7 dicembre 1965) non è solo empietà ma un'impossibilità alla luce della fede e pure del buon senso.
Tra la religiosità umanitarista e la religione cristiana non vi è alcun accordo ma i modernisti vantano la bontà della riconciliazione totale idea che comporta in extremis quella tra bene e male! Ecco il profetismo ecumenista per servire i bisogni del nuovo ordine mondiale che pervase tanti chierici modernisti fautori del Vaticano II. Qui si inquadra l'oscuro enigma del modernista Roncalli professore nunzio patriarca… L' apparato modernista interno alla Chiesa in Italia Chierico di Bergamo con ampie aperture mentali Roncalli fu inviato nel 1901 dal suo vescovo progressista Camillo Guindani per studiare e far carriera a Roma. Nel 1904 in una conferenza di Marc Sangnier (il fondatore del Sillon che con l'occhio fisso ad una chimera preparava il socialismo e fu poi condannato da san Pio X) consolidò le sue visioni moderniste. Roncalli nel 1950 a Parigi confesserà alla vedova del Sangnier che quel ricordo è il più vivo della sua formazione sacerdotale. Le amicizie moderniste si estendevano in tutta Europa e Roncalli è presto entrato in contatto coi pezzi grossi di tale processo come il cardinale belga Mercier i cardinali Ferrari di Milano e Maffi di Pisa (il Mercier italiano) oltre a Radini Tedeschi di Bergamo. Tutti operatori di quella svolta epocale di cui la Chiesa aveva bisogno per adeguarsi ai tempi. Allora Roncalli insegnava storia nel seminario locale seguendo l'«Histoire» del Duchesne e collaborando con le iniziative progressiste. Ma alla sua nomina per la cattedra di storia scolastica nel seminario romano fu posto il veto nel 1912 perché di dubbia ortodossia (Lorenzo Bedeschi in Paese Sera 13 dicembre 1972). Chiusa la porta romana il vescovo modernizzante di Bergamo Radini Tedeschi riaprì la sua porta per farlo segretario e insegnante nel locale seminario. Dopo la guerra e sotto un nuovo vescovo Luigi Marelli la carriera romana di Roncalli ricominciò nel novembre 1919 con una prima udienza col Papa Benedetto XV e un anno dopo il cardinale olandese von Rossum Prefetto della Propaganda Fide invitò Roncalli a presiedere il Consiglio centrale di quella Congregazione per riorganizzare le opere missionarie nelle diocesi italiane. Roncalli parte per Roma e il 12 febbraio 1921. Viene ricevuto dal Papa che lo nominerà poi monsignore. La promozione di un professore sospettato di modernismo poteva solo avvenire nel giro delle influenze di Radini Tedeschi uomo di Rampolla (loggia P1?) presso i suoi successori Della Chiesa e Gasparri. Infatti durante il Pontificato di Della Chiesa Benedetto XV gli ecclesiastici apprezzati da san Pio X furono emarginati mentre per altri si aprirono le porte vaticane. E' il caso del giovane Giovanni Battista Montini che stabilì a Roma dal 1924 una lunga amicizia con Roncalli. Morto Benedetto XV fu eletto Papa Achille Ratti Pio XI che confermò come Segretario di Stato il rampolliano Gasparri e proseguì la linea diplomatica del predecessore molto vicina alla sua. Pio XI riguardo ai rapporti internazionali fu il Papa dei Concordati ma riguardo alla rampante tendenza interreligiosa ne fu strenuo oppositore. In vista della deviazione pancristiana promossa da don Lambert Beauduin OSB ha scritto la sua enciclica «Mortalium animos». Per Roncalli il piano ecumenista in questione base del piano massonico era quello buono. Non sorprende quindi che a lui si attribuisca l'iniziazione rosacrociana e massonica (Pier Carpi «Le profezie di Papa Giovanni» Mediterranee 1976 Roma). Sapeva il Santo Ufficio che Roncalli aveva una visione massonica? I documenti che potevano registrare le sue deviazioni e spergiuri sono spariti dall'archivio vaticano (confronta Nichita Roncalli pagina 4l). Anche il dossier di Montini parimenti sospetto è stato ritirato dallo stesso Giovanni XXIII per farne regalo all'interessato. Ad ogni modo in Vaticano si sapeva abbastanza sui rapporti negativi riguardo alla dottrina di Roncalli ragion per cui solo con una forte raccomandazione egli avrebbe potuto accedere alla carriera diplomatica. L' operato ecumenista di Roncalli in Bulgaria. Sulla relazione di Roncalli con le deviazioni ecumeniste del pancristianesimo vediamo un'occasione in cui esse si palesarono in contrasto con le direttive dottrinali della Chiesa e del Papa. Quando Roncalli nel 1925 fu nominato arcivescovo di Areopoli con l'incarico di Visitatore Apostolico in Bulgaria il suo caro amico don Lambert Beauduin in vista di ciò disse che la missione di Roncalli in Bulgaria poteva assumere un risultato [ecumenistico] molto positivo opinione condivisa da Montini. L' importante Enciclica «Mortalium animos» del 1928 fu scritta proprio in vista delle deviazioni ecumenistiche di don Beauduin l'uomo di fiducia del cardinale Mercier che in seguito si è visto costretto a dare le dimissioni da priore del monastero di Amay. Ma mentre Pio XI accusava gli errori del metodo Beauduin Roncalli lo applicava. Per spiegare i particolari della vicenda ci sarebbe da dilungarsi troppo. In Bulgaria ed in Turchia lo strano nunzio operò proprio al contrario di quanto allora era insegnato nell' Enciclica «Quas primas» sulla regalità sociale di Gesù Cristo: la peste che infetta la società la peste del nostro tempo è il laicismo. Ma Roncalli era per il «principio basilare» della laicità dello stato: la Chiesa si guarderà bene dall'intaccare o discutere questa laicità. «Io cerco in ogni cosa di sviluppare più ciò che unisce che ciò che ci divide». E' curioso che mentre difende il laicismo della nuova Turchia Roncalli si impegna ad aiutare i sionisti di passaggio per la Palestina che volevano far rinascere una nazione ebraica. Il Vaticano già dal tempo di san Pio X si era dimostrato contrario a quest' impresa che avrebbe creato un conflitto insanabile con gli arabi e innescato per ragioni evidentemente religiose una graduale ma inarrestabile esclusione dei cristiani dalla Terra Santa. Tale era la preoccupazione di Roma altra la visione e probabilmente l' interesse verso nuove amicizie di Roncalli. Quindi siamo davanti a questioni di fede e di diritto divino disprezzate da un nunzio per ragioni ecumenistiche. In quest'ottica arrivò perfino a far cancellare in Turchia il «Filioque» che in aperta polemica con gli ortodossi era scritto a grandi lettere sull' ingresso della delegazione apostolica (Spinelli Biblioteca Sanctorum voce: Giovanni XXIII Prima Appendice Città Nuova Roma 1987). In Turchia Roncalli aveva fatto la sua pubblica professione di fede nella fraternità universale dicendo nella cattedrale di Istanbul: «Noi siamo tutti fratelli senza distinzione di religione di legge di tradizioni e di classe». (P. Tanzella Papa Giovanni edizioni Dehoniane 1973 pagina 140).
Nella Pentecoste del 1944 disse in un' omelia: «I cattolici in particolare amano distinguersi dagli altri: fratelli ortodossi protestanti ebrei mussulmani non credenti e credenti di altre religioni… Devo dirvi che nella luce del Vangelo e del principio cattolico questa è una logica falsa. Gesù è venuto ad abbattere tali barriere; egli è morto per proclamare la fraternità universale». Si tratta della fraternità massonica al disopra delle religioni; fraternità dell' ONU della «Nostra aetate» del Vaticano II dei suoi successori e del nuovo ordine mondiale. Questo programma fraterno imponeva il concetto: cercare in ogni cosa più ciò che unisce che ciò che divide. Quindi bisognava lasciar da parte i dogmi cattolici la necessità di conversione l'autorità del Vicario di Cristo insomma Gesù Cristo stesso. Roncalli sistematicamente rifiutò aiuto a quanti volevano avvicinarsi alla Chiesa di Roma: lo ha sempre fatto con tutti i giovani ortodossi. Ciò implica anche il rifiuto del Papato. Che idea aveva Roncalli sulla missione e il potere del Papa?
http://apostatisidiventa.blogspot.it/p/nikita.html

Le Chiese massonizzate dal "papa buono" e compagni di merenda...
 http://apostatisidiventa.blogspot.it/p/nikita.html di Arai Daniele
LE CHIESE MASSONIZZATE DAL «PAPA BUONO» E COMPAGNI DI MERENDA
«Il Gran Maestro della Loggia Regolare d'Italia Giuliano di Bernardo ha scritto nel suo libro "La Filosofia della Massoneria": "Non solo abbiamo alti esponenti di religioni non cristiane che hanno aderito alla Massoneria ma anche anglicani vescovi ortodossi e luterani" [...]. Egli citò un arcivescovo di Canterbury così come il Patriarca ortodosso Atenagora "il prelato con cui Giovanni XXIII inaugurò un periodo di dialogo ecumenico in un clima di comprensione fraterna"».
Nella sua nuova missione come nunzio a Parigi il furbo Angelo Roncalli riesce nel suo intento di non scontentare il governo francese ma anche di accontentare dei nuovi alleati segreti. Sentiamo il Conte Franco Bellegrandi nel suo libro «Nichitaroncalli» Eiles Roma p. 59-62. «La sua casa ospita incontri con personalità imprevedibili cura personali e frequenti rapporti con esponenti della sinistra e stringe amicizia con personaggi e ministri appartenenti alla massoneria. In quel periodo francese si colloca un'incidente ignoto ai più che solleva per un attimo la cortina sulla presunta appartenenza di Roncalli alla setta massonica. A Sua altezza eminentissima il principe Chigi Albani della Rovere allora Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta era giunta nella sede romana del Gran Magistero una lettera del cardinal Canali pesante come una gran pietra: Pio XII protettore dell'Ordine aveva appena saputo con sommo dolore che il ministro dell'Ordine di Malta a Parigi era un massone. Ci si–affrettò nel palazzo magistrale di Via dei Condotti a scartabellare il dossier dei barone Marsaudon nominato di recente al posto del conte di Pierredon che era stato messo a riposo. Si scoperse con un certo sollievo che era stato fatto "gran croce magistrale" su proposta del suo predecessore e soprattutto nominato ministro su raccomandazione del nunzio a Parigi Roncalli. L'esito di quella prima inchiesta fu immediatamente riferito in Vaticano al cardinal Canali che fu sentito esclamare: "Povero Roncalli! Sono afflitto di doverlo mettere in imbarazzo e spero che ciò non gli costi il galero cardinalizio … " (che ingenuità!). Il Vaticano dispose nel più gran riserbo che l'Ordine inviasse subito a Parigi una persona di fiducia per svolgere esaurientemente la delicata indagine. Il gran magistero si trovò in grave imbarazzo. Si dovevano infatti trattare con riguardo tutti e tre i personaggi implicati nella storia (che miopia!). Il nunzio per il suo prezioso contributo dato all'Ordine di Malta per la conclusione di certi delicati affari in Argentina il conte di Pierredon per i suoi pluriennali servigi prima a Bucarest poi a Parigi lo stesso barone Marsaudon per il suo meritorio impegno al fine di ottenere il riconoscimento ufficiale dell'Ordine da parte del governo francese. Dopo una scelta attenta e accurata fu nominato "visitatore magistrale" un cappellano professo dell'Ordine il monsignor Rossi Stockalper che era anche canonico di Santa Maria Maggiore e quindi nella manica del Vaticano. Costui partì subito per Parigi. Gli era stato suggerito di iniziare la sua ricognizione informativa dai padre Berteloot della Compagnia di Gesù esperto di questioni massoniche. Il gesuita interpellato nella più gran discrezione gli confermò che il barone Marsaudon non solo era massone ma "trentatreesimo grado" della Massoneria e membro a vita dei Consiglio della Grande Loggia del rito scozzese. Monsignor Rossi Stockalper continuò il suo giro. Seppe ben poco dall'arcivescovo di Parigi monsignor Feltin che lo spedì invece dal suo vicario generale il monsignor Bohan "che conosceva più da vicino il barone". «Qui per l'inviato di Roma altra sorpresa: il vicario generale aveva tirato fuori da una cassaforte e sparpagliato sul tavolo una serie di documenti inoppugnabili: fra cui un numero del "Journal Officiel de l'Etat français" pubblicato a Vichy durante l'occupazione in cui si segnalava Yves Marie Marsaudon fra gli aderenti alla massoneria; tre o quattro copie della rivista massonica "Le Temple" contenenti alcuni suoi articoli e una scheda conoscitiva dell'interessato. Non esisteva alcun documento relativo ad una abjura. II visitatore magistrale col cuore oppresso si trascinò allora al numero 10 di avenue President Wilson sede della nunziatura. Chiese a Roncalli con tatto notizie circostanziate del barone-massone. Il grosso prete di Sotto ii Monte fra un sorriso e una celia rimandò il cappellano dell'Ordine di Malta al segretario della nunziatura monsignor Bruno Heim. Questo prete diventato oggi "apostolic legate" in Gran Bretagna finì di stupire l'inviato di Roma prima col suo clergyman e la pipa fumante fra i denti poi con le sue sbalorditive affermazioni sulla massoneria definita "una delle ultime forze di conservazione sociale che ci sia al mondo e quindi una forza di conservazione religiosa" e con un giudizio entusiasta sul barone Marsaudon che aveva avuto il merito di far comprendere alla nunziatura il valore trascendente della massoneria. Proprio per questo suo merito il nunzio a Parigi Angelo Giuseppe Roncalli aveva appoggiato e avallato la sua nomina a ministro dell'Ordine di Malta a Parigi. Monsignor Stockalper a quella voltata aveva trasecolato e il colpo di grazia lo ricevette quando protestando che il canone 2335 del Diritto Canonico prevede la scomunica per gli affiliati alla massoneria si sentì rispondere dal suo interlocutore fra una boccata e l'altra di fumo profumato della grande pipa che "la nunziatura di Parigi stava lavorando in gran segreto per riconciliare la Chiesa cattolica con la massoneria". Era il1950! Questo episodio sembra scoprire la connivenza di Roncalli con la massoneria. La Chiesa post-conciliare si riconcilierà in effetti con la setta segreta.
«Voglio concludere quest'argomento riportando una rivelazione fattami qualche tempo fa dal conte Paolo Sella di Monteluce. Questo personaggio economista uomo politico scrittore e giornalista che fu intimo di Umberto di Savoia e che vanta la discendenza dal fondatore della Destra Storica italiana il Senatore Quintino Sella di Biella mi mise a parte nella quiete della sua casa romana sulle pendici del Monte Mario delle prove che sono in sue mani dell'assalto della massoneria alla Chiesa cattolica. Avevo trovato nel suo salotto la vaticanista Gabriella di Montemayor che era stata il tramite al nostro incontro. Il conte Sella stava riordinando alcune carte sul basso tavolino davanti a se. Il tramonto irrompeva dal Monte Mario a indorare gli scaffali di noce gremiti di antichi volumi dalle costolature di pergamena e i raggi rossastri dei sole filtrando fra le tende appena mosse dalla brezza serale animavano i ritratti degli antenati che guardavano severi dalle pareti quel loro erudito discendente seduto in una poltrona davanti a me. Poi il conte alzando ii viso e fissandomi con le sue iridi grigie prese a parlare: "… Nel settembre dei 1958 all'incirca sette otto giorni prima dei Conclave mi trovava al Santuario di Oropa a uno dei consueti pranzi del gruppo di Attilio Botto industriale biellese che amava riunire intorno a se competenti di vari rami per discutere su diversi problemi. Quel giorno era invitato un personaggio che conoscevo come un'alta autorità massonica in contatto col Vaticano. Costui mi disse riaccompagnandomi a casa in automobile che "… il prossimo papa non sarebbe stato Siri come si mormorava in alcuni circoli romani perché era un cardinale troppo autoritario. Sarebbe stato eletto un papa di conciliazione. È già stato scelto il patriarca di Venezia Roncalli". Replicai sorpreso: "scelto da chi?" "Dai nostri massoni rappresentati nel Conclave" mi rispose serenamente il mio cortese accompagnatore. Al che mi venne detto: "Ci sono massoni nel Conclave?" "Certo" mi sentii rispondere "la Chiesa è in nostre mani". Incalzai interdetto: "Allora chi è che comanda nella Chiesa?" Dopo un breve silenzio la voce del mio accompagnatore scandì precisa: "Nessuno può dire dove sono i vertici. I vertici sono occulti". Il conte Sella il giorno dopo trascrisse in un documento ufficiale che oggi è conservato nella cassaforte di un notaio il nome e il cognome di quel personaggio e la sua stupefacente dichiarazione completa dell'anno del mese dei giorno e dell'ora. Che di lì a pochi giorni si rivelò assolutamente esatta.
Il barone Yves Marsaudon massone della Gran Loggia di Francia dal 1932 Maestro Venerabile 33° della Loggia La Republique nonché membro dell'Ordine di Malta fu «una figura-chiave nei contatti tra la Chiesa e la Massoneria durante il periodo conciliare». Egli disse: «Solamente la Massoneria può chiarire gli enormi problemi che sovrastano l'uomo d'oggi e che nonostante l'evidente buona volontà né le chiese organizzate né i partiti politici sono in grado di risolvere». La novità del nome scelto da Giovanni XXIII stupì molti ma la sua logica segreta era nota agli addetti ai lavori (Appendice I): quel Pontificato doveva preparare la via a Montini dell'aggiornamento della tradizione e particolarmente degli ultimi Pontificati da Pio IX a Pio XII. Ci avrebbe pensato poi Montini divenuto Paolo VI ad imporre ai cattolici la sovversione religiosa subdolamente perseguita. Non c'è dubbio che Roncalli desse molta importanza ai simboli. Forse attraverso di essi si potrebbe capire meglio cosa c'era nell'animo di questo chierico che fece togliere dalla facciata della delegazione apostolica lo stemma con la parola «Filioque» un simbolo della fede cattolica ma che ha nella sua croce pastorale l'occhio nel triangolo usato dalla Massoneria. Questi fatti non sono una prova della sua affiliazione alla setta ma dimostrano le associazioni mentali delle sue scelte iconografiche. Ora come si è visto per il pensiero massonico ogni fede e ideologia può essere accettata se subordinata all'idea di fratellanza universale. Questo era il pensiero manifestato da Roncalli in Turchia nella Pentecoste del 1944: "Gesù è venuto ad abbattere le barriere [tra credenti credenti di altre religioni e non credenti]; Devo dirvi che nella luce del Vangelo e del principio cattolico questa è una logica falsa; egli è morto per proclamare la fraternità universale… Sarebbe quella fraternità dell'ONU fondata sui principi massonici? o quella della «Nostra aetate» del Vaticano II per il nuovo ordine che ignora o nega Dio Padre? La fraternità senza padre è propria dei massoni. Perciò il giornalista Pier Carpi non deve aver inventato niente quando scrive della sua iniziazione rosacrociana e iscrizione alla massoneria («Le profezie di Papa Giovanni»). Non fu solo con parole e concetti che Roncalli espresse la sua simpatia per la posizione massonica ma con le sue molte frequentazioni che per il loro peso devono aver contato per ricavare il «papa giovanni» e il «concilio» tanto atteso dalle logge. Non ci sono le prove dei servizi segreti francesi incaricati della protezione del nunzio che ogni giovedì Roncalli si recasse alla loggia? Non sarà ufficiale ma lo sono i suoi atti favorendo la Massoneria contro tutti i giudizi della Chiesa. Ad ogni modo personalmente ho ripetuto questa informazione avuta da un ufficiale addetto alla protezione del nunzio al cardinale Oddi venuto da noi e che era stato suo vicario a Parigi. Non l'ha contestata ma la storia non va scritta con ammissioni mute e mosse di testa. Pur confermato a parole cosa risolverebbe sulle prove dell'origine della demolizione realizzata.
Diversi Grandi Maestri massoni francesi e italiani hanno confermato apertamente le aperture del futuro Giovanni XXIII. Nel 1989 la rivista dei Franc-maçons «Humanisme» (nº 186) racconta l'incontro del nunzio Roncalli con Alexandre Chevalier che avanzò proposte riguardo al diritto canonico e altro. All'intesa segreta tra il futuro Giovanni XXIII e chi diventò Gran Maestro nel 1965 e fu invitato all'incoronazione di Giovanni XXIII a Roma fa eco l'ipotesi che la loggia «L'Etoile Polaire» (l'Atelier) "sia stata all'origine del Vaticano II" (Jacques Ploncard d'Assac «Présent» Parigi 20 luglio 1989).
Una volta divenuto Giovanni XXIII invitò il massone francese a visitarlo nella residenza estiva di Castel Gandolfo. Roncalli creò un Segretariato Ecumenico che per la prima volta contro quando stabilito dai Papi (vedi Enc. Mortalium animos) stabilì un contatto ufficiale tra la Chiesa cattolica e ilWorld Council of Churches («Consiglio Mondiale delle Chiese»). Nel 1961 cinque osservatori cattolici vennero ufficialmente inviati a Nuova Delhi per partecipare alla riunione del World Council of Churches. Il 15 maggio 1961 venne pubblicata l'enciclica di Giovanni XXIII Mater et Magistra che di fatto invitava ai cattolici a votare per i comunisti e i socialisti e ad entrare nelle loro file. «Entro il 1962 Giovanni XXIII aveva già incontrato più leader anglicani e protestanti di ogni prelato nella Storia [...]. Un conservatore si lamentò: "Sembra più facile vedere il papa se sei metodista"» (W. Wynn «Keepers of the Keys» Random House NY 1988 p. 45).
Nel 1962 il Collegio dei Cardinali già «rinforzato» da Montini crebbe a ottantasette membri. I vecchi «conservatori» sarebbero presto accantonati affinché fossero eletti «nuovi papi» per avanzare col Vaticano II e la «nuova coscienza» di una «nuova chiesa» illuminista ecumenista e massonizzata per un «nuovo ordine mondiale». Basta ascoltare oggi Benedetto XVI per capire che il piano è quasi completamente compiuto. Ma non si saranno scordati che il Signore si riserva un «piccolo resto» attraverso il quale alla fine svergognare la loro perfida trama segreta?
Articolo segnalato da Marco Daniele http://www.excogitur.com/
http://nullapossiamocontrolaverita.blogspot.it/2011/03/le-chiese-massonizzate-dal-papa-buono-e.html

SE Giovanni XXIII° EFFETTIVAMENTE ERA un Rosacroce come dicono molti siti in internet per me questo è lo scandalo più grande perché lui sapeva delle scomuniche che gravavano e che graveranno sempre contro i massoni! Quindi questa canonizzazione sarebbe alto tradimento contro il Regno di Dio di una Chiesa che ormai cammina sul ciglio molto stretto della eresia modernista!

ma la Chiesa Cattolica è incapace di formare l'aspetto carismatico e soprannaturale dei presbiteri.. poi si trovano di fronte un alieno che è il demonio Gmos e si inginocchiano pensando fosse un angelo quando neanche davanti agli angeli bisogna inginocchiarsi! Maometto era meglio di loro! non credo che a qualcuno dovrebbe darsi in ministero presbiterale se prima non ha partecipato ad esorcismi!

my JHWH -- perché io che io sono un uomo così mite io devo sempre essere al centro di così violenti contese aspre diatribe?.. lol. è proprio vero la verità non riesce ad abitare felice in questo pianeta maleficato dai farisei salafiti e dato da Satana a Rothschild!

Egregio professore
mi spiace che lei abbia frainteso il senso delle mie parole. Lei mi attribuisce ahimè delle cose che non mi sognerei mai neanche di pensare!
Io sarei contro la libertà di stampa perché ho avuto l'ardire di chiederle la cortesia di non confondere mio articolo con quelle espressioni un po' forti (solo per adoperare un eufemismo)?
Spero che si renda conto che ricorrere a questi epiteti non fa altro che far sentire "vittime" proprio i detrattori di Palatucci le cui tesi aberranti vanno confutate con metodo scientifico sfidandoli sul loro stesso terreno.
Come può arguire dunque la mia non era alcuna "censura" alla libertà di stampa ma ben altro...
Con l'auspicio di essere stato stavolta più chiaro le auguro un buon week end.
Cordialmente
Dr. Giovanni Preziosi Return-Path: <dr.giovannipreziosi@gmail.com>
[ answer ] ] io aspettavo con ansia il suo più che giustificato rimprovero nei miei confronti!
era questa la risposta che legittimamente mi aspettavo da lei..
lei è veramente prezioso! [ la mia polemica contro la sua persona speciale era fittizia quello che mi premeva era raggiungere le scorrette persone del comitato Primo LEVI in realtà.. il cui obiettivo evidente è quello di infangare santi e martiri per seminare odio tra gli ebrei contro i cristiani! ]
ma se le mie espressioni non sono "un po' forti" come lei afferma è perché sottrarre ad un popolo la sua sovranità monetaria equivale a commettere un delitto di lesa maesta che al contempo è satanismo ideologico e pratico..
questo è evidente lei non conosce il santo cattolico lo Scienziato prof. Giacinto Auriti..

Mosca invita la comunità internazionale a fare pressioni su Kiev. Mosca chiede alla comunità internazionale di influenzare le autorità di Kiev per fermare lo spargimento di sangue in Ucraina. Lo ha dichiarato il viceministro degli Esteri della Russia Grigory Karasin.
Secondo il diplomatico è necessario garantire che tutti gli accordi precedenti siano messi in pratica. "Finora nessuno di loro in particolare il rifiuto dell'uso della forza nel proprio Paese è stato rispettato" - ha constatato il politico.
Ha ricordato che nel sud-est dell'Ucraina è in corso un'operazione punitiva e nel sud agiscono nell'impunità gli ultranazionalisti. "La tragedia di Odessa dove decine di giovani sono rimasti uccisi ha scioccato il mondo" - ha detto Karasin.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_04/Mosca-invita-la-comunita-internazionale-a-fare-pressioni-su-Kiev-2798/

ex vice primo ministro ucraino Sergej Arbusov ed l'ex ministro delle Finanze Alexandr Klimenko hanno negato le accuse del'SBU (servizi segreti di Kiev) per l'organizzazione dei disordini ad Odessa del 2 maggio [[ PERCHé QUEI MORTI SI SONO SUICIDATI DA SOLI! ]]. Secondo Arbusov le autorità di Kiev per "motivi puramente politici" scaricano la responsabilità della tragedia sulle persone che facevano parte del precedente governo.
Nella giornata di ieri l'SBU aveva accusato Arbusov e Klimenko di aver finanziato i disordini ad Odessa del 2 maggio a seguito dei quali hanno perso la vita più di 40 persone. http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_04/Ex-ministri-dellUcraina-respingono-le-accuse-di-Kiev-per-i-fatti-di-Odessa-9455/
Nella regione di Donetsk le forze autonomiste filorusse affermano di essere riuscite a riprendere la posizioni conquistate in precedenza dall'esercito ucraino riferisce il canale televisivo Rossiya-24.
Miroslav Rudenko uno dei leader delle forze di difesa del Donbass ha riferito che dopo i combattimenti notturni sono riusciti a riconquistare la città di Kramatorsk e 3 villaggi circostanti. Ora la situazione nel bacino del Don si considera calma.
Nei giorni scorsi le truppe ucraine avevano intrapreso un'operazione su larga scala nella parte sud-orientale dell'Ucraina contro i sostenitori della federalizzazione del Paese.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_04/I-filorussi-riprendono-il-controllo-di-Kramatorsk-2752/
A Sebastopoli sono stati indetti 3 giorni di lutto per le vittime della Casa dei Sindacati di Odessa.
Secondo il governatore in carica Sergej Menyaylo gli avvenimenti nella città del Mar Nero assomigliano alla Seconda Guerra Mondiale. "Le autorità armano chi si è macchiato di sangue a Maidan e cercano di presentare le loro azioni legittime. Questo governo non finirà bene"- ha detto Menyaylo.
Precedentemente le autorità della Crimea avevano annunciato il lutto dal 3 al 5 maggio a seguito degli eventi di Odessa dove negli scontri di venerdì hanno perso la vita più di 40 persone.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_04/A-Sebastopoli-proclamati-3-giorni-di-lutto-per-le-vittime-di-Odessa-1817/
I cittadini russi continuano a deporre mazzi di fiori presso l'ambasciata d'Ucraina a Mosca.
I fiori occupano quasi tutta la recinzione della missione diplomatica. In molti mazzi sono stati posti dei biglietti con la scritta "Turchynov assassino".
A Mosca si sta svolgendo una manifestazione in memoria delle vittime durante i disordini ad Odessa provocati dagli estremisti ultranazionalisti ucraini di Pravy Sektor e dai rappresentanti delle cosiddette "forze di autodifesa di Maidan". A seguito delle violenze hanno perso la vita più di 40 persone.
 http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_04/Strage-Odessa-i-moscoviti-depongono-fiori-allambasciata-dellUcraina-8371/

my JHWH -- io mi sono stancato di stare qui a fare il custode del cimitero!

Former Defense Minister Backs 'David the Nahlawi' [ ok! le indagini stanno prendendo la direzione che io avevo indicato.. ma questo manicomio criminale di islamici LEGA ARABA nazi sharia è qualcosa che gli USA hanno voluto che esistesse perché in se stessi i musulmani sono uomini buoni! ora gli USA sono satanisti per colpa di Rotschild e di Bush 322.. niente di buono da loro! ] MK Shaul Mofaz adds his voice to the growing campaign behind IDF soldier disciplined after cocking his rifle at Arab attackers in Hevron. AAFont Size. By Ari Soffer. First Publish: 5/3/2014 8:53 PM
Mofaz (R) with IDF Chief of Staff Benny Ganz. Former Defense Minister MK Shaul Mofaz (Kadima) has weighed into the storm surrounding "David the Nahlawi" the Nahal Brigade soldier disciplined after a confrontation with Arab youths in Hevron last week.
Mofaz who also served in the past as IDF Chief of Staff said he stood behind the soldier and said that the situation for IDF soldiers in the field had become "impossible".
He said the footage of the incident showed he had acted in accordance with the IDF's rules of engagement - having cocked his rifle after feeling his life was potentially in danger. "'Mortal danger' is a subjective evaluation" Mofaz pointed out. "In one moment he could have drawn a knife and the situation could deteriorate."
"It is important to note that the film was taken from the Palestinian perspective. The IDF investigate will soon be complete - we still don't know how many Palestinian were around him and what they were holding in the their hands" he added.
As it was at least one of the Arab youths involved in the confrontation can clearly be seen approaching the soldier from behind with a pair of brass knuckles moments before he cocks his rifle. On Friday the growing campaign for "David the Nahlawi" picked up steam with hundreds of protesters taking to the street of Tel Aviv to show their support for the soldier. The IDF meanwhile has backtracked from initial criticisms of the incident caught on camera and claimed that his impending punishment stemmed from an unrelated argument he had with his commanding officers.
"Nahlawi" is a Hebrew slang term for soldiers serving in the Nahal infantry unit.

Pro-Russian Thugs Killed After Attacking Ukrainian Unity Rally [ è vero questo è l'articolo ma quale è la verità? poi Dio soltanto lo sa!.. non si fanno morire tante persone in modo non volontario! ] Pro-Russian attackers made 'a big mistake' attacking Ukrainian football hooligans; scores burned alive in revenge attack. AAFont Size. By AFP
http://www.israelnationalnews.com/News/News.aspx/180227#.U2YZDlfdLD8

Benjamin Netanyahu -- [ questa brutta storia che la Russia è una minaccia per noi ] la hanno inventata dal nulla i Bildenberg Troika Merkel Obama gender.. perché loro sono il " agenda grande fratello "

Neo-Nazis Honor Ukrainian SS on Holocaust Memorial Day [ la avventura criminale della CIA UE USA Bildenberg in Ucraiana il regime dei fascisti risorgono gli incubi che hanno preceduto la guerra mondiale repressioni sistematiche dei russofoni non fanno parte della democrazia! cosa regime è diventato UE ONU USA? ] March for the Waffen 14th volunteer division of the SS irks local authorities. Is Neo-Nazism in Ukraine becoming endemic? AAFont Size. By Tova Dvorin. First Publish: 5/2/2014 9:41 AM /watch?v=xVWBeApyje0
Neo-Nazi march video: Lvov stages rally to commemorate Ukrainian Waffen SS division
As the March of the Living commenced Monday in Poland in honor of Holocaust Memorial Day another type of march commenced in Ukraine: a march of Neo-Nazis supporting the Waffen the Ukrainian version of the SS.
Around 500 neo-Nazi supporters marched in Lvov to commemorate the creation of the 14th SS-Volunteer Division 'Galician' on April 28 1943 according to RT.
Many of the demonstrators bore the SS Galician divisional insignia - a yellow lion and three crowns on a blue background - and wore nationalist shirts with the Ukrainian colors. Instead of being a mere show of nationalist pride protesters chanted slogans which openly supported the aryan 'Native Land' and 'Student Brotherhood of Stepan Bandera' radical organizations according to the outlet.
Demonstrators cried "SS Galician Division!" "Glory to the nation – death to enemies!" and "Bandera and Shukhevich are heroes of Ukraine!" according to UNIAN news agency. The march ended earlier than expected due to the chants after locals submitted a slew of complaints; the march's organizers apologized.
Local media noted that while neo-Nazi supporters fueled the marchers none of the actual surviving members of the Waffen participated in the hate march.
Waffen and Neo-Nazism
The 14th Waffen Division of the SS was a volunteer brigade of Galicians - mostly ethnic Ukrainians but also Slovaks Dutch and Czechs - who briefly served the Nazis in the front against the Red Army. Russia eventually crushed the unit in the Battle of Brody in 1944; it was rebranded as the First Division of the Ukrainian National Army before surrendering to the Allied Forces in 1945.
The Division garnered the support of multiple religious and political parties in Kiev including the Ukrainian Greek Catholic Church and the Ukrainian Autocephalous Orthodox Church.
The unit became well-known for its ferocity winning the admiration of Ukrainain neo-Nazis for generations to come.
The ugly face of Ukrainian reform?
Moscow has repeatedly leveled allegations of anti-Semitism at the authorities in Kiev accusing them of being controlled by far-right groups that played a prominent role in protests to oust Kremlin-backed president Viktor Yanukovych.
The unrest in Ukraine has brought with it a rise in anti-Semitic attacks on the region's Jewish population highlighted by such events as the stabbing of the Deputy Commander of ZAKA Kiev and Hatzalah Kiev Chairman Rabbi Hillel Cohen.
Last month several more prominent anti-Semitic incidents made headlines after Nazi-esque leaflets were allegedly distributed asking Jews to "register their religion" and a Ukrainian synagogue was firebombed.
Last week a band of pro-Russian militants also attacked a Jewish-owned bank ostensibly over political differences.

Benjamin Netanyahu -- [ OVVIAMENTE I PALESTINESI HANNO LA UMMAH PER ANDARE A FARE IN CULO DA QUALCHE ALTRA PARTE! ] E questo deve essere detto la sharia è veramente una minaccia diretta di sterminio prima contro Israele e poi contro il genere umano ecco perché tutti gli ebrei farisei massoni Bildenberg Trilaterale illuminati Troika Bidenberg [ tutto il mondo: FMI Spa NWO GMOS è tutto mio! satana il grande fratello! ] ecco perché tutti i farisei Illuminati hanno gonfiato la LEGA ARABA per poter avere paura di essere costretti a venire in uno Stato di Israele così piccolo e così pericoloso! Quindi per avere una NAzione sufficientemente grande noi dobbiamo uccidere nella Guerra Mondiale la LEGA ARABA oppure noi dobbiamo fare un Regno insieme ai palestinesi pacificamente ma questo è impossibile se la LEGA ARABA non condanna la Sharia! ma se la Sharia fosse condannata.. poi i farisei non avrebbero nessuna scusa per continuare a fare i satanisti in USA!